Tettigonia

Tettigonia viridissima, nota come cavalletta verde, è un ortottero della famiglia dei tettigonidi. Il reperto rappresenta il ciclo vitale di questa specie. Dopo l’accoppiamento la femmina, attraverso il suo ovopositore a forma di falce, depone le uova, raccolte in ooteche, entro buche nel terreno profonde 2-3 cm. Un’ooteca può contenere da 25 a 55 uova avvolte in un secreto spugnoso. Le uova svernano protette dal calore del terreno, finché in primavera si schiudono lasciando uscire piccole ninfe, stadi giovanili, che dopo aver compiuto sei mute raggiungono lo stadio adulto. Le ninfe si nutrono di erbe e germogli nei prati e nei campi. Una volta raggiunto lo stadio adulto la cavalletta ha ali ben sviluppate che le consentono di salire sulle chiome degli alberi, dove trascorre la maggior parte del tempo, nutrendosi di altri insetti e di foglie. In età adulta le dimensioni sono per il maschio 28-34 mm e per la femmina 27- 38 mm, la colorazione è verde-erba uniforme con una banda longitudinale bruna che si estende dorsalmente dal capo fino alla pare anteriore del torace. Il primo paio di ali, le tegmine, proteggono le ali posteriori, membranose e ampie, che durante il riposo sono ripiegate. Le zampe posteriori sono molto sviluppate e con attitudine al salto. Come tutti gli Ortotteri, emette una caratteristica stridulazione prodotta dallo sfregamento di una costola sporgente di una tegmine, detta archetto, contro una porzione rigida dell'altra, detta cembalo. Il canto la distingue da specie simili e suona come un tintinnio continuo e molto forte, emesso per lo più durante il pomeriggio, la sera e la notte. Uno dei fenomeni più interessanti e piuttosto diffuso di quest’ordine di insetti è quello del gregarismo che porta alla formazione di orde migratrici costituite da un numero sterminato di individui, capaci di attaccare e distruggere intere coltivazioni agricole.

logo museopedia def-01.png