Cinciallegra

La cinciallegra (Parus major) è un uccello lungo circa 13-15 cm, che pesa circa 16 g, e presenta un piumaggio verde nella parte superiore del corpo e giallo in quella inferiore, solcata da una larga striatura nera, più marcata nel maschio. Il becco è nero e appuntito, le zampe sono grigio-blu, la coda è piuttosto lunga e larga, mentre la testa è grossa e a cupola. La cinciallegra è un uccello largamente diffuso nel continente Eurasiatico, infatti la si può osservare in tutta Europa, con l’eccezione dell’Islanda e della parte settentrionale della penisola scandinava, ed è presente in numerose isole del Mediterraneo e nell’Africa settentrionale. Nonostante frequenti diversi tipi di habitat, la si può trovare principalmente nei boschi decidui, all’interno delle foreste e nei loro margini, nonché nei giardini. La cinciallegra normalmente non è un uccello migratore, le coppie che si formano, infatti, tendono a rimanere nello stesso luogo, o nei suoi pressi, durante l’intero anno solare. Così come gli altri uccelli della famiglia dei Paridi, anch’essa è un uccello canoro in grado di produrre una grandissima varietà di richiami; sono stati ascoltati più di 70 diversi tipi di versi e canti e la varietà è tale che membri della stessa specie, ma di provenienza geografica diversa, non si riconoscono a vicenda. La cinciallegra si procaccia il cibo saltellando a terra, negli alberi e in mezzo alla vegetazione, dove si aggrappa saldamente con le zampe e resta appesa. La sua dieta è costituita principalmente da insetti, soprattutto coleotteri e lepidotteri, ma non disdegna i ragni, bruchi, semi, bacche e frutta a guscio. È un uccello monogamo che si accoppia in territori specifici, dedicati alla riproduzione: la stagione riproduttiva varia, in un range che va dalla fine dell'inverno alla fine dell'estate, a seconda di diversi fattori, tra cui quello geografico, la quantità di luce solare e le temperature diurne. Nel rituale di accoppiamento, i maschi ergono le penne della cresta, tirano fuori il petto e si lisciano le piume per mostrare alla femmina la striatura nera e la gola. La cinciallegra nidifica comunemente nelle cavità degli alberi, nelle crepe dei muri, in tane scavate, nei crepacci rocciosi, ed ha due nidiate per ogni stagione riproduttiva. Per ciascuna nidiata, la femmina depone da 6 a 8 uova bianche con macchie rossastre. Della cova, che dura circa 13-16 giorni, se ne interessa la femmina, mentre il maschio si occupa di procurarle il cibo.

Verso

Cinciallegra

logo museopedia def-01.png