Storno

Lo storno comune è un uccello dell’ordine dei passeriformi.Il suo aspetto muta nel corso dell’anno. Gli adulti, infatti, in autunno, dopo la muta, presentano il cosiddetto "piumaggio da riposo”, nero lucente e con fitte punteggiature bianche sulla punta delle piume. In primavera, invece, compare il cosiddetto “piumaggio sgargiante”: la punteggiatura scompare e le piume sono quasi totalmente nere con una lucentezza metallica e riflessi verdi e violetti, visibili soprattutto sulla testa e il petto. Anche il colore del becco varia a seconda della stagione. In inverno è marrone scuro mentre in primavera è giallo limone. I giovani si distinguono poiché hanno le piume di colore grigio - marrone, la gola biancastra e il becco scuro. L'unico tratto distintivo tra i sessi è una macchia che si trova alla base del becco: di colore bluastro nei maschi mentre è di colore rossastro nelle femmine. Lo storno nidifica, preferenzialmente, in luoghi elevati, sulle case, tra gli alberi, sulle scogliere. D'inverno e autunno gli storni si raggruppano in enormi stormi costituiti da diverse centinaia di individui che, all'imbrunire, si riuniscono in densi e rumorosi dormitori, costituiti nelle città da gruppi di alberi. Gli stormi di questi uccelli, se attaccati da rapaci, come ad esempio il falco pellegrino, si difendono con straordinarie evoluzioni di gruppo che disorientano il predatore. Gli storni sono animali pressoché onnivori e quindi dotati di un’ottima adattabilità alimentare che permette loro di nutrirsi di una vasta gamma di cibi in base alle condizioni in cui si trovano.

Verso

Storno

logo museopedia def-01.png