Svasso maggiore

Lo Svasso maggiore è un uccello acquatico, caratterizzato da becco lungo e appuntito e corpo slanciato, la cui lunghezza varia dai 46 ai 50 cm. L’apertura alare va dai 53 ai 73 cm. Entrambi i sessi sfoggiano sul capo una doppia cresta e ciuffi auricolari marroni e neri, che assumono una posa eretta durante il corteggiamento. La livrea nuziale è molto vivace e vaporosa e il becco, in questa fase, si tinge di rosa. Nella rimanente parte dell’anno il piumaggio degli adulti, così come quello dei giovani, è grigio nella parte superiore e bianco in quella inferiore. La specie è facilmente riconoscibile anche grazie al canto frequente e squillante. È in grado di alzarsi in volo, ma, a causa dell’elevato peso specifico del suo corpo, i battiti delle ali devono essere assai rapidi: per questo lo svasso maggiore riesce a mantenersi in aria solo per brevi tratti. È possibile avvistare gli svassi negli specchi d’acqua di tutta Europa, comprese Scandinavia e Islanda, ma la specie è presente anche in Asia, Africa e Oceania. La dieta è costituita da pesce, che solitamente cattura durante lunghe immersioni. Si nutre anche di girini, gamberetti, ragni, insetti d’acqua e semi. L'accoppiamento degli svassi maggiori è notevole e viene anche definito "ballo del pinguino". La coppia si dirige petto a petto sull'acqua, gli uccelli scuotono il capo e sbattono con i piedi sull'acqua. Il nido è costruito utilizzando parti di piante galleggianti ed è di solito nascosto tra la vegetazione sulla riva dei laghi. La protezione dello Svasso maggiore è stato l'obiettivo principale della Royal Society for the Protection of Birds britannica del XIX secolo. Le penne degli uccelli venivano allora usate nell'industria della moda come ornamento per cappelli o come decorazione dei colletti; venivano lavorate in modo da assomigliare ad una pelliccia. In seguito agli sforzi protettivi della Royal Society la specie è riuscita a sopravvivere in Gran Bretagna. Attualmente la specie ha un areale molto ampio e la dimensione delle popolazioni è stabile per cui è classificata come specie a minore preoccupazione dall’IUCN (International Union for Conservation of Nature).
Le immagini degli animali nel loro habitat sono gentilmente concesse da BIOLOGIAMARINA.ORG, LE SPECIE DEL NOSTRO MARE www.biologiamarina.org

Verso

Svasso maggiore

logo museopedia def-01.png