Corallo rosso

Il corallo rosso è una specie endemica del Mar Mediterraneo ed è l'unica specie del genere Corallium a vivere nel nostro mare. Lo si trova in luoghi ombrosi e riparati, come grotte, strapiombi e fenditure di rocce, a profondità variabili da 20 a 200 metri; eccezionalmente è stato osservato in acque più superficiali, da circa 5 metri di profondità, ed è stato segnalato anche a profondità maggiori ai 200 m, fino a 800 m. E' sensibile alle variazioni di salinità, che deve essere compresa tra il 28% e il 40%, e al tasso di sedimenti in sospensione nell'acqua, che se troppo elevato ne compromette la sopravvivenza. Forma colonie ramificate, che possono superare i 20–30 cm di altezza, di colore generalmente rosso brillante, ma a volte rosa; raramente vengono osservate colonie di colore completamente bianco. I polipi sono bianchi e trasparenti, lunghi solo pochi millimetri, con otto tentacoli bordati di appendici pinnate, visibili quando questi sono estroflessi per la cattura del cibo. Lo scheletro calcareo, durissimo, è ricoperto da uno strato di tessuto molle chiamato cenosarco. Il corallo rosso è una specie dalla crescita molto lenta: le colonie, in un anno, crescono in media 3-4 cm in altezza e tra 0.25 e 0.66 mm in diametro; questo lo rende particolarmente vulnerabile all’azione di raccolta dell’uomo. Lo scheletro calcareo del corallo rosso è ricercato come materiale per la realizzazione di gioielli, monili e sculture artistiche. Il prelievo, un tempo operato con metodi distruttivi, ha determinato un forte declino della specie nei nostri mari, che negli ultimi 50 anni si è ridotta del 50%. Oggi in Italia si ha una pesca di tipo selettivo, effettuata in acqua da pescatori subacquei professionisti, che dovrebbe consentire, se svolta con criterio, la salvaguardia della specie; tuttavia è ancora diffuso il prelievo illegale. Un'ulteriore minaccia per la conservazione della specie è l'innalzamento delle temperature delle acque conseguente al riscaldamento globale; fenomeni di moria associati a torbidità di fondo oppure a fenomeni geotermici sono stati segnalati per il Golfo di Napoli. Tutt'oggi, nonostante siano state attuate politiche di protezione e gestione, la specie in molte aree continua ad essere fortemente minacciata ed è valutata come specie in pericolo dall'Unione mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN).
Curiosità: Si pensa che la parola corallo derivi dal greco koraillon, cioè “scheletro duro”, per altri invece sempre in greco kura-halos, cioè “forma umana” ed altri ancora, infine, fanno derivare il termine dall’ebraico goral, nome usato per le pietre utilizzate per gli oracoli in Palestina, Asia Minore e Mediterraneo, tra le quali ruolo preponderante era svolto appunto dai coralli.

le immagini degli animali nel loro habitat sono gentilmente concesse da BIOLOGIAMARINA.ORG, LE SPECIE DEL NOSTRO MARE www.biologiamarina.org

logo museopedia def-01.png